Gli strumenti professionali per parrucchieri in commercio sono numerosi, a volte troppi per riuscire a destreggiarsi e a comprendere quale sia il migliore tra tanti. Sicuramente uno dei criteri più importanti per scegliere è la qualità del prodotto, per ottenere risultati impeccabili.

Un indispensabile alleato nel mondo dell’hair styling, assolutamente immancabile è una piastra buona per capelli. In questo articolo analizzeremo quali sono le caratteristiche indispensabili per scegliere la migliore sul mercato.

Materiali di qualità: la caratteristica principale per una piastra buona

Un materiale di qualità assicura un buon risultato, che si vogliano capelli lisci con riccioli o con onde. In commercio esistono piastre realizzate con diversi materiali, come per esempio:

  • la ceramica: è ideale per una diffusione uniforme del calore sui capelli;
  • la tormalina: grazie agli ioni negativi permette di ridurre il crespo e migliorare la lucentezza;
  • il titanio: raggiunge alte temperature in poco tempo;
  • piastre a vapore: dotate di un serbatoio per l’acqua removibile. L’acqua scaldata diventa vapore che viene rilasciato durante il passaggio della piastra sulle ciocche, modellando e idratando la chioma.

Regolazione della temperatura per l’acquisto di una piastra buona

Una piastra buona permette di regolare la temperatura in base al tipo di capelli che si devono trattare. Ad esempio se si tratta di un capello sottile o trattato chimicamente è consigliato usare una temperatura compresa tra i 150 e i 180 gradi.

Per capelli normali o un poco ondulati si consiglia una temperatura della piastra tra i 180 e i 200 gradi, per ottenere buoni risultati senza causare danni alla chioma.

Parlando invece di capelli spessi o ricci che quindi richiedono temperature più elevate per essere acconciati in modo efficace, si potrebbe aver bisogno di una temperatura tra i 200 e i 230 gradi.

Larghezza adeguata per la scelta di una piastra buona

La larghezza della piastra rispecchia la lunghezza dei capelli e il risultato che si vuole ottenere:

  • stretta (fino a 2 cm) è ideale per capelli corti e frange, per ottenere piccoli ricci o onde definite;
  • media (da 2,5 a 3,8 cm) si adatta ai capelli medi per ottenere onde di media dimensioni;
  • larga (da 3,8 cm) è consigliata per capelli lunghi e spessi.

Tecnologia ionica: una scelta innovativa per una piastra buona

Questa tecnologia innovativa funziona rilasciando ioni negativi che neutralizzano quelli positivi riducendo così l’effetto crespo della chioma. I capelli acquistano lucentezza e vigore grazie alla sigillatura delle cuticole donando bellezza ma anche salute alla chioma.

Dimensione e design ergonomico: caratteristiche indispensabili per una piastra buona

La scelta di una piastra dotata di forma ergonomica è dettata dalla ricerca della praticità e della comodità. Una facile e comoda presa sono indispensabili per un professionista poiché possono limitare l’affaticamento.

La dimensione adeguata della piastra è importante per affrontare capelli di diverse misure e consistenze.

Caratteristiche diverse per la scelta di una piastra buona

  • funzioni innovative come lo spegnimento automatico o il blocco della temperatura;
  • funzioni extra come la presenza di cavi girevoli, pettini integrati e display;
  • prezzo adeguato alla qualità: le piastre per capelli sono disponibili a prezzi per ogni tasca. Prima di procedere alla scelta è bene stabilire un budget per scegliere il prodotto con il miglior rapporto qualità-prezzo.

Recensioni e feedback dei professionisti per scegliere una piastra buona

Individuare una piastra buona per capelli richiede attenzione ai particolari e il tempo di leggere le valutazioni degli altri professionisti consultando i siti di settore. Le recensioni forniscono informazioni importanti sulle prestazioni, la durata del prodotto e sulla soddisfazione di chi lo ha utilizzato. Queste informazioni permettono di scegliere un prodotto che si adatti alle esigenze del professionista mettendolo in guardia da problemi e mal funzionamenti.

Un ottimo prodotto presente sul nostro sito è il Ferro G-Evo IHT GA.MA 19 25 33 mm con temperatura regolabile da 150° a 220°- tubo rivestito in tormalina – punta antiscottatura – auto spegnimento dopo 60 minuti dall’accensione – display digitale – cavo girevole.

Fonte foto: Giselle Lazcano su Unsplash

Comments are closed.